Trinidad ad una prima vista potrebbe sembrare un attento allineamento di piccoli e vecchi cubetti di lego, sgangherati ed usurati ormai dal tempo, ma posti lungo uno stessa linea, ponendo l’attenzione affinché i colori non si ripetano più di due volte.

1031

Calandosi dall’alto di questi cubetti, si scivola lentamente in vie semplici, larghe abbastanza da far passare un carretto trainato da cavalli e fatte di ciottoli ancorati l’uno all’altro e sigillati tra loro da un bacio di terra. Ci si innamora di Trinidad per i suoi colori capaci di donare a questo piccolo borgo (il più antico di Cuba) tanta bellezza, esaltata ancora di più dalla semplicità delle persone che vi abitano. Passeggiare tra queste vie, ti rievoca alla mente ciò che i nostri nonni e bisnonni erano forse comuni osservare. Venditori per strada, pronti ad offrirti ciò che la loro terra produce, bimbi a cui non manca mai il sorriso occupano le vie inventandosi giochi con quel poco che hanno. Ovviamente non mancano i locali per turisti che un po’ stonano con l’ambiente riportandoti bruscamente nel mondo reale. Continua a leggere

New York I Love u!

New York la città in cui contrapposti vivono parallelamente. A New York ovunque si respira modernità ma anche antichità espressa nei suoi grattacieli e cattedrali d’inizio 900.
Luci tante luci che come puntini disegnano New York e l’energia della vita che non si ferma mai. Buio e mistero ciò che accade nelle vie retrostanti gli innumerevoli grattacieli. Verticali di cemento dalle tonalità del grigio a distese Continua a leggere

P1010417

Istanbul! Ogni volta che ripeto silenziosamente questo nome nella mia testa, ogni volta mi trasmette qualcosa di diverso! Una parola magica alla quale corrisponde un sortilegio (in perfetto stille harrypotersco), fulminante e sprezzante. A volte mi comunica maestosità forse per la grande “I” maiuscola ad inizio parola. Altre ancora mi fa pensare ai tappeti magici di Aladino. Bah, inizio a raccontarvi la vera Istanbul! Continua a leggere

La musica che va per la maggiore in India e che si può ascoltare ad ogni angolo di strada e a volte pure nei locali al chiuso è quella dei clacson. Le auto in India sembrano esseri viventi. Hanno un linguaggio ripetitivo e comprensibile a pochi, forse neanche gli stessi automobilisti che fanno cantare la propria auto sanno il perché di quello stesso suono assordante. Non potendo privarvi di questa musica soave, più sotto trovate un mp3 del tutto free.

The most popular music that you can listen to every street corner and sometimes even in indoor locations is that of the horn. The cars in India seem to living beings. They have a repetitive language and understandable to a few, maybe even the same drivers  that let sing their cars bthey do not know the reason of that deafening sound. Not being able to deprive you of this sweet music, below you will find an mp3 completely free.